In data  20 gennaio 2016 alle ore 20:45, presso il convento dei frati Cappuccini di Faenza, si riunisce il gruppo di coordinamento parrocchiale. In questa data risultano presenti: p. Giorgio, p. Alberto, p. Gianfranco, p. Paolo, Gianni Crudo, Alberto Silimbani, Claudia Noviello, Daniele Bandini, Aminta Marchetti, Paolo Balducci, Rosa Anna Merendi, Lucia Marchetti, Paolo Penazzi, Girelli Giorgia, Sara Bolognesi, Roberta Ravaglioli, Marco Collina, Antonietta Rosetti Rambelli, Luciano Barnabè, Elisa Fiorani, Grazia Balducci, Pier Domenico Laghi, Antonio Dal Borgo. È pure presente Paglierani Riccardo per il comitato festa del SS. Crocifisso. Questa sera abbiamo il piacere di avere tra noi il superiore dei frati cappuccini p. Matteo.
Inizia l’incontro il parroco chiedendo una preghiera particolare per Gino Covizzi. Si prosegue lasciando la parola ad altri membri del coordinamento per la “presentazione” del loro impegno parrocchiale.
Lucia Marchetti: segue la catechesi dei bambini, insieme ai genitori ed educatori. Nell’anno 2014 è stato redatto un nuovo progetto della catechesi che tenesse conto delle indicazioni del catechismo della CEI, della precedente esperienza educativa e degli obiettivi dati dal Parroco (la Messa, il Crocifisso, la Carità quali cardini della nostra fede e della nostra vita). Come novità sono stati introdotti segni concreti al termine delle S. Messa delle 10 (esperienze di carità e servizio) ed un percorso di formazione e condivisione per i genitori catechisti.
Si cerca di porre attenzione e cura alla vita di preghiera e ai momenti forti dell'anno liturgico, facendo comprendere ai bambini il significato di gesti, segni, simboli. Per i più piccoli è dedicata un'omelia adattata a loro con  cartelloni e segni dedicati al momento liturgico. L'obiettivo è quello di percorre un cammino che li porti a vivere al meglio la preghiera personale e comunitaria, in modo partecipativo, coinvolgente, attivo. Sono stati mantenuti i preziosi momenti comuni ormai consolidati: Veglia di Natale, Festa di carnevale, Via Crucis del venerdì santo, Fiorita, Rosario dei bambini nel mese di maggio, organizzati dal gruppo “mamme”. Come novità è stata proposta la “giornata della risposta” (festa della Pentecoste): l’inizio della vita della Chiesa viene celebrato nella nostra comunità da tutti, famiglie, nonni, catechisti, bambini. È stato promosso lo spirito di servizio, di accoglienza delle diversità; fare piccole esperienze di incontro con i poveri e i più fragili, di aiuto, di amicizia, adatte alla loro età.  Al termine della messa delle 10 nella giornata del malato i gruppi di bimbi di I-IV elementare hanno fatto visita agli anziani della comunità e della casa di riposo. Memoria e cassetta degli attrezzi: ogni equipe ha organizzato (in formato elettronico) i materiali, attività, giochi che svolgerà durante l'anno, individuando un referente “cassetta degli attrezzi”. È obiettivo futuro rendere il lavoro condiviso nell'apposita sezione del sito internet. Durante l’anno, oltre agli incontri di lancio e verifica dell’anno catechistico sono stati svolti tre incontri di formazione e condivisione per i genitori-catechisti, organizzati con momenti ludici (il pranzo condiviso) con le famiglie e la comunità. Gli incontri di formazione sono stati condotti secondo l’articolarsi del tempo liturgico (1 incontro sull’avvento – il tempo della speranza e della nascita, 1 incontro sul tempo ordinario – il tempo della vita e delle scelte, 1 incontro sulla quaresima – il tempo della prova). All’incontro è sempre stato invitato un ospite esterno e sono stati dati spunti concreti per la gestione dei conflitti e delle problematiche.
Elisa Fiorani: si occupa della formazione degli educatori – catechisti. La nostra priorità è quella di formare cristiani adulti capaci di rendere ragione della propria fede e di comunicare il messaggio trasmesso loro dalla chiesa come uomini nuovi in continuo cammino di ricerca e conversione, testimoni di Cristo, accompagnatori nella fede ed educatori che hanno a cuore  i bambini e ragazzi nella globalità della loro persona.  Obiettivi Specifici:
• maturare il senso dell’umiltà e dell’accettazione del proprio limite per scoprirsi e accettarsi in un costante cammino di conversione e crescita;
• raggiungere una maturazione umana e cristiana per leggere e discernere la realtà in maniera critica e interpretarla alla luce della fede;
• possedere la conoscenza degli elementi essenziali della fede per orientare l’annuncio;
• avere una sufficiente competenza pedagogica, metodologica e didattica necessaria per vivere adeguatamente l’incontro con le persone, strutturare la proposta e favorire l’approfondimento.
Da dove nasce tutto questo?
• Dal bisogno condiviso di crescere nel cammino di fede
• Dalle richieste di acquisire nuovi strumenti per progettare, preparare e costruire incontri
• Dal bisogno di trovare strade nuove per avvicinare i ragazzi ed essere riferimento per loro
Il programma per i tre anni
• 2014-2015: Il Catechista Cercatore
• 2015-2016: Il Catechista Testimone
• 2016-2017: Il Catechista Collaboratore della Gioia - Accompagnatore
In modo trasversale, nei tre anni, si affronterà il tema “Il Catechista che educa” con attività e laboratori che mirino a fornire competenze, metodologie, didattiche che rendano l’Annuncio “incarnato” e “gioioso” nella relazione con i bambini e ragazzi.
Il parroco fa presente che quando non c’è l’incontro di catechesi per ragazzi e bambini, questi ultimi mancano anche alla celebrazione eucaristica.
Elisa è anche referente per il gruppo O.F.S. E’ una fraternità che aderisce alla regola di San Francesco, formata da 19 persone. Ci si ritrova 3 volte al mese. Il sabato sera si è data disponibilità alla mensa della Caritas per il servizio mensa. Ci confrontiamo con altri gruppi per promuovere il dialogo interreligioso. Si organizzano giornate di studio e incontro come sarà il 24 gennaio presso la nostra parrocchia.
Claudia Noviello – Roberta Ravaglioli: seguono due gruppi di famiglie “Famiglia di famiglie” In Parrocchia vi sono vari gruppi di famiglie che promuovono momenti aggregativi riservati al gruppo stesso o aperti alla Comunità, a seconda delle esigenze parrocchiali  e delle proprie attitudini.  
Ci si trova con cadenza mensile per incontri di riflessione e dialogo .Tali incontri sono strutturati come momenti comunitari che lasciano spazio soprattutto al dialogo di coppia e tra le famiglie.
Le realtà parrocchiali nelle quali le famiglie sono inserite attivamente sono diverse:
- preghiera settimanale in Chiesa del S. Rosario per affidare alla Beata Vergine Maria le famiglie della comunità parrocchiale;
- collaborazione con il gruppo Caritas della parrocchia per essere vicini (materialmente e tramite relazioni personali) alle famiglie più in difficoltà della parrocchia;
- promozione e organizzazione della Giornata per la Vita, in collaborazione con il CAV diocesano;
- collaborazione per la Festa del SS. Crocifisso;
- organizzazione della Festa della Famiglia  per le coppie che festeggiano i vari giubilei attivando anche spazi ricreativi e di gioco per i bambini e i ragazzi;
- collaborazione attiva con i gruppi: catechesi per adulti e ragazzi (sia nell'équipe di coordinamento, sia come catechisti), liturgia (animazione dei canti, servizio all’altare, servizio agli ammalati e alla comunità attraverso i Ministri della Comunione), Circolo ANSPI parrocchiale (promuovendo e partecipando alle varie attività);
- programmazione di alcune giornate da trascorrere in coppia/famiglia durante il periodo estivo;
I vari gruppi di famiglie hanno ciascuno una propria identità, ma tutti si sentono uniti da vincoli di fede, di amicizia, di accompagnamento dei propri figli ai Sacramenti.
Sara Bolognesi: referente Azione Cattolica. Riferisce che l’animazione dell’azione cattolica si svolge soprattutto a livello di Unità Pastorale. Gli iscritti della nostra parrocchia cercano di essere presenti partecipando alle varie iniziative parrocchiali.
Daniele Bandini: riferisce sull’attività del teatro che risulta una bella realtà con due “compagnie” teatrali parrocchiali. La prima formata da giovani ventenni, la seconda da ragazzi della scuola media. I costi elevati sono sostenuti dagli spettacoli fatti.
P. Paolo e Marco Collina: animatori Oratorio. L’oratorio è sorto a fine settembre 2015 ed è  frequentato da bambini e ragazzi, circa una ventina, ogni sabato dalle 16 alle 18. Si struttura con un momento di preghiera, la ricerca di tre parole chiave riferite alla Parola della domenica e di una serie di giochi, anche questi hanno come sfondo le parole chiave individuate. I genitori dei ragazzi che frequentano si occupano della merenda.
Marco fa presente al superiore la necessità di poter avere un “cappellano” presente tra i ragazzi ogni pomeriggio.
Riccardo Paglierani riferisce quanto si è accordato con i rappresentanti della Diocesi per quanto riguarda la festa del SS. Crocifisso:
• Processione dalla parrocchia (ore 16:30) arrivo in Duomo (ore 18)
• Don Tiziano  si preoccuperà dell’organizzazione
• Don Ugo sarà referente per il Duomo
• Don Michele curerà la liturgia
Questo momento risulterà sicuramente molto bello ed intenso: il parroco chiede a tutti una buona partecipazione, chiede ai catechisti di farsi tramite con i ragazzi e i bambini perché siano tutti coinvolti.
Il comitato Festa si ritroverà al più presto e poi relazionerà al comitato.
Festa di carnevale: sabato 6 febbraio  pomeriggio merenda. Sera i ragazzi dalle 20.30 alle 22.30 presso la ex scuola don Milani.
Il prossimo incontro ci sarà lunedì 15 febbraio: alle 20:30 un momento di adorazione in chiesa, poi seguirà il momento organizzativo.

Il verbalizzante
Antonietta Rosetti Rambelli

Le pagine del nostro sito impiegano cookie necessari alla fornitura del servizio. Cliccando su Ok ne consenti l'uso.